Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Condividi

domenica 25 aprile 2010

Il buon Pastore: preghiamo per le vocazioni sacerdotali

La IV domenica di Pasqua è tutta un invito a pregare per le vocazioni al sacerdozio, alla vita pastorale, sull'esempio di Cristo, buon pastore che dà la vita per le pecore. Un ricordo particolare per i tanti buoni pastori e per quelli meno buoni o pessimi, perchè il Signore li converta e li renda pastori secondo il suo cuore.

Alla luce dei fatti tristi e scandalosi che hanno colpito la Chiesa in questo periodo, addirittura tra le file dei pastori in campo, i vescovi, leggiamo le parole di ammonimento di Sant'Antonio, che invita i pastori a riformare la propria vita, e consiglia alle pecorelle maltrattate di rifugiarsi presso Pietro (il Papa) a cui, prima di tutti, Cristo ha consegnato il gregge:

Dai Sermoni di S. Antonio:

«Pasci i miei agnelli» (Gv 21,15-16). Fa' attenzione al fatto che per ben tre volte è detto: «pasci», e neppure una volta «tosa» o «mungi». Se ami me per me stesso, e non te per te stesso, «pasci i miei agnelli» in quanto miei, non come fossero tuoi. Ricerca in essi la mia gloria e non la tua, il mio interesse e non il tuo, perché l'amore verso Dio si prova con l'amore verso il prossimo. Guai a colui che non pasce neppure una volta e poi invece tosa e munge tre o quattro volte. A costui «il re di Sodoma», cioè il diavolo, «dice: Dammi le anime, tutto il resto prendilo per te» (Gn 14,21), tieni cioè per te la lana e il latte, la pelle e le carni, le decime e le primizie. A un tale pastore, anzi lupo, che pasce se stesso, il Signore minaccia: «Guai al pastore, simulacro di pastore, che abbandona il gregge: una spada sta sopra il suo braccio e sul suo occhio destro; tutto il suo braccio si inaridirà e il suo occhio destro resterà accecato» (Zc 11,17).
              Il pastore che abbandona il gregge affidatogli, è nella chiesa un simulacro di pastore, come Dagon, posto presso l'Arca del Signore (cf. 1Re 5,2); era un idolo, un simulacro: aveva cioè l'apparenza di un dio, ma non la realtà. Perché dunque occupa quel posto? Costui è veramente un idolo, un dio falso, perché ha gli occhi rivolti alle vanità del mondo, e non vede le miserie dei poveri; ha gli orecchi attenti alle adulazioni dei suoi ruffiani e non sente i lamenti e le grida dei poveri; tiene le narici sulle boccettine dei profumi, come una donna, ma non sente il profumo del cielo e il fetore della geenna; adopera le mani per accumulare ricchezze e non per accarezzare le cicatrici delle ferite di Cristo; usa i piedi per correre a rinforzare le sue difese e riscuotere i tributi, e non per andare a predicare la parola del Signore; e nella sua gola non c'è il canto di lode né la voce della confessione. Quale rapporto ci può essere tra la chiesa di Cristo e questo idolo marcio? «Cos'ha a che fare la paglia con il grano?» (Ger 23,28). «Quale intesa ci può mai essere tra Cristo e Beliar?» (2Cor 6,15).
            Tutto il braccio di quest'idolo s'inaridirà per opera della spada del giudizio divino, perché non possa più fare il bene. E il suo occhio destro, cioè la conoscenza della verità, si oscurerà, perché non possa più distinguere la via della giustizia né per sé, né per gli altri. E questi due castighi, provocati dai loro peccati, si abbattono oggi su quei pastori della chiesa che sono privi del valore delle opere buone e non hanno la conoscenza della verità. E allora, ahimè, il lupo, cioè il diavolo, disperde il gregge (cf. Gv 10,12), e il predone, cioè l'eretico, lo rapisce.
          Invece il Buon Pastore, che ha dato la vita per il suo gregge (cf. Gv 10,15), di esso sempre sollecito, avendolo comprato a sì caro prezzo, lo affida a Pietro dicendo: «Pasci i miei agnelli». Pascili con la parola della sacra predicazione, con l'aiuto della preghiera fervorosa e con l'esempio della santa vita". (SS. Pietr. e Paol., §4)


Meditazione musicale-gregoriana: Ego sum pastor bonus



Antifona di Comunione della Messa della IV domenica di Pasqua (Novus Ordo) e II Dominica post Pascha (Vetus Ordo)
da cercare nel Graduale Romanum ( o nel Messale Gregoriano)


Gv 10,14: Ego sum pastor bonus et cognosco meas et cognoscunt me meae
Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...