Cerca nel blog (argomenti, singole parole o frasi):

Condividi

giovedì 19 novembre 2009

Lo studio, la scienza sacra, la devozione

.

Papa Benedetto XVI ha incontrato oggi i docenti e gli studenti delle Università Cattoliche e Facoltà ecclesiastiche, vi riporto solo un passaggio del discorso per attirare l'attenzione sull'utilità dello studio (soprattutto per i seminaristi, che troppo spesso si chiedono se serva davvero la loro fatica sui libri...):

Cari amici, il vostro impegno di servire la verità che Dio ci ha rivelato partecipa della missione evangelizzatrice che Cristo ha affidato alla Chiesa: è pertanto un servizio ecclesiale. Sapientia christiana cita, al riguardo, la conclusione del Vangelo secondo Matteo: "Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato" (Mt 28,19-20). E’ importante per tutti, docenti e studenti, non perdere mai di vista il fine da perseguire, quello cioè di essere strumento dell’annuncio evangelico. Gli anni degli studi ecclesiastici superiori si possono paragonare all’esperienza che gli Apostoli hanno vissuto con Gesù: nello stare con Lui hanno appreso la verità, per diventarne poi annunciatori dappertutto. Al tempo stesso è importante ricordare che lo studio delle scienze sacre non va mai separato dalla preghiera, dall’unione con Dio, dalla contemplazione – come ho richiamato nelle recenti Catechesi sulla teologia monastica medioevale – altrimenti le riflessioni sui misteri divini rischiano di diventare un vano esercizio intellettuale. Ogni scienza sacra, alla fine, rinvia alla "scienza dei santi", alla loro intuizione dei misteri del Dio vivente, alla sapienza, che è dono dello Spirito Santo, e che è anima della "fides quaerens intellectum"

Rileggiamo il biglietto che San Francesco scrisse a Sant'Antonio per incoraggiarlo nello studio e nell'insegnamento della Sacra Scrittura, e noteremo subito una perfetta consonanza con le parole di oggi del Santo Padre:

“A frate Antonio, mio vescovo, frate Francesco, salute! Ho piacere che tu insegni la sacra teologia ai frati, purché in tale occupazione, tu non estingua lo spirito della santa orazione e devozione, come è scritto nella regola. Stai bene”. (Fonti Francescane 251-252)

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online