Cerca nel blog (argomenti, singole parole o frasi):

Condividi

domenica 16 ottobre 2011

Benedetto XVI indice l'anno della Fede. Una scossa alla missione della Chiesa

Rubens, Trionfo della Fede: la fede guida la povera Chiesa, 1626 (1627)

Vedere il Papa sulla "pedana mobile" dei suoi predecessori (il primo ad usarla fu Papa Luciani, non Giovanni Paolo II!) e ascoltare le sue parole, mi ha fatto venire in mente, spontaneamente, il quadro che vedete sopra: la Fede, che sostiene la Croce e la Presenza reale di Cristo nell'Eucaristia, mentre dal carro incita ed esorta la Chiesa malconcia, povera e ferita a seguirla. Ecco, in un'immagine allegorica, il messaggio del Papa di questi ultimi giorni.
E poi l'annuncio: ottobre 2012 - novembre 2012 sarà l'"Anno della Fede", il primo episodio della nuova "missione popolare" che il Papa intende lanciare per riconquistare a Cristo i cuori stanchi e distratti degli ex Cristiani, dei "non-credenti-non-praticanti" che risiedono in gran parte nell'opulento mondo occidentale.
Limpide e semplici, come sempre, le parole di Benedetto XVI durante l'omelia della Messa di oggi, celebrata insieme ai partecipanti al convegno sulla Nuova Evangelizzazione:
"La missione della Chiesa, come quella di Cristo, è essenzialmente parlare di Dio, fare memoria della sua sovranità, richiamare a tutti, specialmente ai cristiani che hanno smarrito la propria identità, il diritto di Dio su ciò che gli appartiene, cioè la nostra vita.
Proprio per dare rinnovato impulso alla missione di tutta la Chiesa di condurre gli uomini fuori dal deserto in cui spesso si trovano verso il luogo della vita, l’amicizia con Cristo che ci dona la vita in pienezza, vorrei annunciare in questa Celebrazione eucaristica che ho deciso di indire un “Anno della Fede”, che avrò modo di illustrare con un’apposita Lettera apostolica. Esso inizierà l’11 ottobre 2012, nel 50° anniversario dell’apertura del Concilio Vaticano II, e terminerà il 24 novembre 2013, Solennità di Cristo Re dell’Universo. Sarà un momento di grazia e di impegno per una sempre più piena conversione a Dio, per rafforzare la nostra fede in Lui e per annunciarLo con gioia all’uomo del nostro tempo.

La Chiesa non è una associazione religiosa o culturale, nè un'associzione di volontariato, e nemmeno una fornitrice di servizi preziosi per la società, come i richiami alla morale. No! La Chiesa è il Popolo di Dio, Corpo di Cristo e Tempio dello Spirito Santo: inviata da Dio a proseguire l'opera inaugurata dall'Incarnazione, Morte e Risurrezione del Signore Gesù. L'annuncio della Fede in Cristo è il primo e l'ultimo dei pensieri e delle preoccupazioni della Chiesa. Semplice e cristallino: C'è un solo Dio e Gesù Cristo, suo Figlio, è il suo Profeta. "Andate e ditelo a tutti". Il Papa si è accorto da tempo, come era chiaro dai discorsi tenuti in Germania, che l'emergenza per la Chiesa non è l'emergenza morale dei fedeli, il distacco dalla Tradizione e la ricerca di spiritualità alternative, e nemmeno la pedofilia del Clero: sono tutti sintomi di una malattia più profonda e radicale. La mancanza di Fede, l'eliminazione dell'orizzonte ultimo di Dio in Cristo, questo è il colpo mortale alla Chiesa. Questo fa crollare ogni altra struttura, perchè è il fondamento perenne e insostituibile. 
Benedetto XVI sta facendo il suo lavoro. Nei momenti di emergenza lo Spirito Santo attiva il Papa perché faccia l'unica cosa che Cristo gli ha domandato: "Tu...conferma nella fede i tuoi fratelli" (cf Lc 22,32).
Quella del Papa è una "chiamata alle armi", non per una crociata contro l'Islam o un nemico esterno alla Cristianità, ma per combattere il virus che ha destrutturato la vita di fede di milioni di credenti. 
Ciò che il Santo Padre sta dicendo è che il dramma della nostra epoca, per parafrasare Evangelii Nuntiandi di Paolo VI, non è la frattura o il distacco tra fede e vita, è proprio il distacco o l'eliminazione della fede stessa.
Una fede a cui serve non solo l'anima, che è il credere e aderire interiormente a Dio, ma anche un "corpo culturale", e questa è la religione: senza espressione esterna, pubblica e comunitaria, la fede non può essere comunicata da uomo a uomo e da una generazione all'altra e, in definitiva, perde rilevanza e capacità di guidare le scelte, i comportamenti e le azioni degli uomini. Non è più il tempo di una "fede nascosta", che non vuol dire cadere nella "fede spettacolo". Il Papa chiama al "mostrare", senza timore e con orgoglio, la propria fede in Cristo, creduta e vissuta, conosciuta e sperimentata. L'invisibile di Dio può e deve rendersi ancora e sempre visibile e operante in questo mondo attraverso la Chiesa. L'annuncio è la pietra fondamentale: la fede non può nascere se non c'è l'ascolto e l'ascolto non può darsi senza qualcuno che parli. Non di sé stesso, solo di Gesù.

Qui sotto l'intera omelia del Papa della Messa di oggi, 16 ottobre 2011:

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online