Cerca nel blog (argomenti, singole parole o frasi):

Caricamento in corso...

Condividi

martedì 5 aprile 2011

Presentazione del nuovo messale inglese: un capolavoro. Speriamo che sia di esempio per noi italiani

Guardate questo video e sbalordite: si tratta della presentazione del prototipo del nuovo messale inglese nell'edizione britannica (altra edizione sarà quella americana). Un capolavoro dell'editore CTS. A parte il valore intrinseco della nuova traduzione, cesellata e riveduta per rispondere con generosità e accuratezza ai documenti vaticani sulle versioni liturgiche, possiamo ora ammirare anche la materialità del libro che ogni prete, ogni giorno, si troverà ad usare sull'altare. Ecco dunque il video:



Per chi non coglie bene la lingua riporto alcune indicazioni che vengono date dal presentatore:
1) La rilegatura è in vera pelle con impressioni in oro (massima preziosità), e con rinforzi sul dorso per assicurare apertura perfetta delle pagine e durata del volume che non si squaderni con facilità.

2) L'ordinario della messa è stampato su una carta a grammatura maggiore (più spessa), cosicchè i testi che si usano più di frequente sono su fogli più resistenti, quelli che si usano una volta l'anno, sono su carta un po' più sottile, così il volume - oltre 300 pagine più del precedente - si presenta comunque maneggevole e non eccessivamente grosso.

3) Tutti i prefazi sono musicati e c'è la musica adattata per le singole preghiere dell'ordinario della messa (non in appendice, ma nel luogo dove ci si aspetta di trovarla, come nel messale latino). Se volete un esempio del fantastico lavoro compiuto per la musica del messale inglese, andate a questa pagina della commissione per la traduzione e scaricatevi tutti gli spartiti dell'intero messale!!!

4) Le illustrazioni, stampate con la massima cura tecnica possibile oggi, sono riprese dal tesoro tradizionale (scelta splendida e abissalmente distante dalla corbelleria dei lezionari italiani, della scelta iconografica dei quali è vergognoso anche parlare).

Non so se mi spiego: con la prima domenica di Avvento prossima ventura, questo messale campeggerà sugli altari anglosassoni. E DA NOI? Ancora niente, tutto tace e il silenzio è di tomba. I vescovi italiani ci daranno mai la terza edizione del Messale con una traduzione fedele, la musica al punto giusto - naturalmente quella che oggi è definita la II melodia, cioè quella esemplata sul gregoriano -, condendo il tutto con qualche illustrazione degna del divin sacrificio e che faccia almeno capire che cavolo rappresenta? Eccellenze i messali italiani cadono a pezzi e da anni non si ristampano nell'edizione da altare. Per favore, veniteci in soccorso almeno per questo!

Altri link per approfondire: 

Il sito della Catholic Truth Society incaricata della stampa

Il sito del Nuovo Messale inglese della Conferenza Episcopale Statunitense

2 commenti:

Anonimo ha detto...

grazie per aver messo a disposizione questo bel video..


e speriamo che il tuo appello ai nostri Ecc.mi Vescovi italiani venga accolto!

Anonimo ha detto...

Speriamo. Ma non facciamoci soverchie illusioni: "il cervel delle loro eccellenze (Dio lo riposi) in tutt'altre faccende affacendato a queste cose è morto e sotterrato". Il mio Vescovo direbbe: "C'è ben altro...." Chissà cosa sarà mai 'sto 'ben altro'!
Ciao

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online