Cerca nel blog (argomenti, singole parole o frasi):

Caricamento in corso...

Condividi

mercoledì 14 gennaio 2009

Beato Odorico: un santo di famiglia ci esorta a pregare per la Cina


Oggi la nostra Provincia Religiosa è in festa per uno dei suoi figli più illustri: il beato Odorico da Pordenone, apostolo dell'Oriente.

Scrive di lui il Martirologio Romano: A Udine, beato Odorico Mattiuzzi da Pordenone, sacerdote dell’Ordine dei Minori: percorse in lungo e in largo predicando il Vangelo le regioni dei Tartari, degli Indi e dei Cinesi da lui attraversate fino alla capitale della Cina Kambalik e molti convertì alla fede di Cristo.

Le celebrazioni in onore del Beato Odorico, grande evangelizzatore in Cina.
Interviene quest’anno il cardinale Ivan Dias, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli.

Alla parrocchia della Beata Vergine del Carmine di Udine (via Aquileia) si festeggia, infatti, con solennita il beato Odorico da Pordenone, le cui reliquie sono conservate nella Chiesa parrocchiale.
Mercoledì 14 gennaio, giorno della memoria liturgica, alle ore 20.30, si terrà una veglia di preghiera missionaria, animata da padre Luigi Malamocco, missionario nelle Flippine che ha introdotto nell’arcipelago asiatico il culto del beato Odorico dopo aver scoperto che egli, sulla via della Cina, fece tappa anche nelle Filippine in seguito ad un naufragio e celebrò la prima Messa della storia in quello che ancor oggi è il principale paese cattolico dell’Asia.
Il momento liturgico principale in onore di Odorico da Pordenone è però in calendario sabato 17 gennaio, alle ore 18, con la solenne Eucaristia presieduta dal cardinale Ivan Dias, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, dall’Arcivescovo di Udine, mons. Pietro Brollo, e dal Vescovo di Concordia-Pordenone, mons. Ovidio Poletto. Saranno presenti anche i frati Minori Conventuali della Basilica del Santo di Padova.

Breve profilo del Beato Odorico
Nel 1318 si imbarca a Venezia per Costantinopoli. Di qui attraversa il Mar Nero e prosegue lentamente per via di terra raggiungendo il Golfo Persico, dove torna a imbarcarsi verso l’India. Giunto a Tana, presso Bombay, ritrova e prende con sé i resti di quattro frati francescani, massacrati nel 1321. Risalito in nave, è il primo europeo a raggiungere l’Indonesia, e di qui infine arriva in Cina, sbarcando a Canton. Ma la sua meta finale è Khanbaliq, la capitale dell’immenso impero, dove arriva nel 1325, dopo sette anni di viaggio.
Il protagonista di questa avventura è un frate francescano: Odorico, nato a Villanova di Pordenone. Ha vestito l’abito di san Francesco in età giovanissima, e per qualche tempo ha condotto vita eremitica. A 25 anni Odorico viene ordinato sacerdote in Udine, ma non ha mai voluto “promozioni”. Si dedica volentieri all’attività missionaria in alcune regioni mediterranee, finché i superiori lo richiamano a Udine. Viene descritto come buon predicatore, ma poco sappiamo dei suoi anni giovanili. Per i Francescani dell’epoca, la Cina è qualcosa di remotissimo, come d’altronde lo è per tutti gli europei; ma è anche qualcosa di familiare, perché alla fine del Duecento il francescano Giovanni da Montecorvino vi ha fondato la prima comunità cristiana a Khanbaliq (che poi prenderà il nome di Pechino). E per la Cina ecco dunque partire anche frate Odorico. Un viaggio di anni, per mare e per terra, che si conclude a Khanbaliq, dove egli depone le reliquie dei martiri, appena arrivato. Per tre anni rimane poi in Cina, dedicandosi a una delle chiese fondate da Giovanni da Montecorvino. Riparte infine per l’Italia, passando per il Tibet. E ricompare a Venezia nel 1330. Ha percorso una distanza complessiva che supera la circonferenza dell’intera terra.
Ma da questo momento in poi le notizie su di lui si fanno scarse. Impiega un certo tempo a dettare la relazione del suo viaggio, che avrà una fama larghissima. Però si sa poco di quest’ultimo periodo della sua vita, che sembra trascorrere nell’ombra. L’unica sua iniziativa di grande importanza non gli riesce più. Voleva andare dal Papa, che era Giovanni XXII e si trovava ad Avignone: un viaggio ben da poco per uno come lui. Ma il suo fisico è ormai spossato. Non arriverà mai a vedere il Papa, non potrà mai esortarlo a mandare in Cina altri missionari.
Il suo viaggio si interrompe a Pisa: non ce la fa più. Cade ammalato e faticosamente torna ad avviarsi verso il Friuli. Fa una sosta ancora a Padova, ed eccolo infine ricoverato nel convento udinese di San Francesco. Qui frate Odorico si spegne, subito venerato come operatore di miracoli. Ma solo nel 1755 un Pontefice (Benedetto XIV) sanzionerà il culto per lui, col titolo di beato. I suoi resti sono stati collocati nella chiesa udinese della Madonna del Carmelo.

approfondimenti sul sito della Provincia Patavina: http://www.provinciapatavina.org/ita/pagina.asp?id=30&t=pagine

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...