Cerca nel blog (argomenti, singole parole o frasi):

Caricamento in corso...

Condividi

venerdì 18 settembre 2009

L'uso dell'incenso nella liturgia: significato teologico & modalità pratiche


La sparizione dell'uso dell'incenso nella Messa riformata di Paolo VI è qualcosa di assolutamente inspiegabile. Infatti mentre nel rito romano classico l'uso dell'incenso era strettamente regolato, confinato alla sola messa cantata e alla messa solenne (da quest'ultima non poteva mai mancare), nel rito riveduto l'uso dell'incenso è stato invece ampiamente liberalizzato. Ma proprio da quando lo si può usare sempre e comunque, il turibolo fumigante è sparito dalle nostre chiese. Riappare immancabilmente al termine dei funerali, prendendo così un senso di mestizia e di lutto che non gli è affatto appropriato. Forse il motivo è da ricercare nella traduzione sibillina di una rubrica del num. 276 dei Principi e norme per l'uso del Messale Romano: l'utilizzo dell'incenso, in latino, è ad libitum, ma invece di tradurre questa locuzione con a piacere, nel testo CEI l'incensazione in tutte le messe è diventata semplicemente facoltativa. E si sa, nella mentalità del clero di un certo stampo, tutto quello che è facoltativo significa sconsigliato (leggasi: inutile orpello).
Ad libitum, propriamente, è invece un'espressione della lingua latina che significa "a piacere", "a volontà"! Altro che non obbligatorio, opzionale, non richiesto (cioè facoltativo)! E' facoltativo in senso positivo (cioè hai facoltà di usarlo), ma questa accezione in italiano non è più normalmente percepita, pertanto la traduzione può risultare ingannevole.
Visto poi che l'incenso esprime riverenza e preghiera, perchè mai privarsene, visto che lo si può usare, proprio nel nostro tempo che ha tanto bisogno di segni fisici di preghiera e devozione?
Tra l'altro, proprio i più spinti propugnatori della postmodernità, affermano che bisogna coinvolgere tutti i sensi nel rito, non solo "l'anima", ma anche il corpo. Il profumo soave dell'incenso, si sa, fa entrare volenti o nolenti in "clima" mistico (come dimostra il suo uso nelle varie religioni, non solo nel cristianesimo).

Ma in realtà c'è di più. La mia teoria è che l'incenso, essendo un segno tipicamente sacrificale (= bruciare una cosa preziosa con l'intenzione di offrirla a Dio), sia stato messo in disparte proprio per questo suo inequivocabile e ancestrale richiamo, non certo adatto ad una festa, ad una cena tra amici, o cose del genere. Il levarsi delle volute di fumo profumato non può che richiamare il tempio e Dio a cui si offre la vittima in olocausto, accompagnandola con soave profumo. Nei riti offertoriali della Messa questo era (ed è tuttora) evidente.

Già presso i pagani, l'incenso veniva bruciato davanti alle immagini degli dei e davanti all'imperatore ad essi equiparato.
Nei primi secoli del cristianesimo, numerosi cristiani furono martirizzati per essersi rifiutati di compiere questo gesto idolàtrico. In seguito, tanto era forte il richiamo sgradevole della persecuzione dei non turificanti, per distinguere il culto cristiano da quello pagano, l'uso dell'incenso dalla liturgia fu addirittura soppresso. Esso venne ripristinato soltanto dopo l'editto di Costantino e il declino del paganesimo. A Roma non si usavano però turiboli o cose orientali del genere. Il poco incenso che si utilizzava era sparso in appositi bracieri. L'incenso all'offertorio è rientrato dal IX sec. nella liturgia carolingia e addirittura nell'XI nella liturgia romana.

L'incenso nella Bibbia:

Per quanto riguarda la liturgia dell'Antico Testamento, Mosè riceve dal Signore l’ordine di costruire un altare speciale riservato all’incenso per il culto divino:

Farai un altare sul quale bruciare l’incenso: lo farai di legno di acacia (...). Rivestirai d’oro puro il suo piano, i suoi lati, i suoi corni e gli farai intorno un bordo d’oro (...). Porrai l’altare davanti al velo che nasconde l’arca della Testimonianza, di fronte al coperchio che è sopra la testimonianza, dove io ti darò convegno. Aronne brucerà su di esso l’incenso aromatico: lo brucerà ogni mattina quando riordinerà le lampade e lo brucerà anche al tramonto, quando Aronne riempirà le lampade: incenso perenne davanti al Signore per le vostre generazioni (...). È cosa santissima per il Signore” (Es 30,1-10).

L’incenso, veniva posto anche sopra le oblazioni bruciate sull’altare come memoriale: “profumo soave per il Signore” (cfr. Lv 2).

Più tardi, nel Tempio di Gerusalemme, nella ricorrenza annuale dell'Espiazione (Yom Kippur), il sommo sacerdote, oltrepassava il velo del Tempio ed entrava con l’incensiere nel Santo dei Santi, per bruciarvi “due manciate di incenso odoroso polverizzato”, allora, una nube densa e profumata, avvolgeva ogni parte del luogo santissimo in cui era custodita l’Arca dell’Alleanza (cfr. Lv 16,12-13).

In Israele, si incensavano le persone, gli oggetti, e i luoghi riservati al culto del Dio Unico. Tutti coloro che partecipavano al culto divino, erano invitati ad effondere un soave profumo spirituale: “Ascoltate, figli santi...Come incenso spandete un buon profumo” (Sir 39,13-14).

L’incenso, legato al culto degli Israeliti, sarà più tardi presente, con la sua ricca valenza simbolica, anche nella liturgia cristiana, soprattutto nelle Chiese d'Oriente.
Nel Vangelo di Matteo, viene descritto l’omaggio fatto a Gesù da alcuni personaggi misteriosi: i Magi. Costoro, giungendo dalle lontane terre di oriente per incontrare il “re dei Giudei”, gli offrono in dono, con l’oro e la mirra, anche l’odoroso incenso, custodito in scrigni preziosi (Cfr Mt 2,11).

La Chiesa antica

Nel IV secolo (epoca d'oro dei liturgisti), la famosa pellegrina Egeria, così descriveva una liturgia svoltasi nel Santo Sepolcro di Gerusalemme: “Quando si sono cantati questi tre salmi e fatte queste tre orazioni, ecco che vengono portati dei turiboli all’interno della grotta dell’Anastasi, perché tutta la basilica dell’Anastasi si riempia di profumi”. [Diario di Viaggio, 24,10]
La solenne incensazione del luogo da cui Cristo è risorto precedeva la lettura, da parte del vescovo, del Vangelo della risurrezione. L’uso dell’incenso nel Santo Sepolcro, ripropone l’immagine delle donne che portarono oli aromatici per imbalsamare il corpo del Signore e trovarono invece l’angelo che ne annunciava la gloriosa risurrezione (Cfr Mc 1,6).
Secondo San Paolo, tutti i cristiani, con la loro testimonianza di fede, spandono nel mondo il profumo di Cristo che si è offerto al Padre “in sacrificio di soave odore”(Cfr 2Cor 2,14-16; Ef 5,2).

------------------------
L'Ordinamento generale del Messale Romano, rivisto nel 2000, descrive così il senso e il modo di utilizzare nel rito eucaristico l'incenso (lo leggiamo in latino con le traduzioni interlineari):

De incensatione

276. Thurificatio seu incensatio reverentiam exprimit et orationem, ut in Sacra Scriptura significatur (cf. Ps. 140, 2; Apoc. 8, 3). L’incensazione esprime riverenza e preghiera, come è indicato nella sacra Scrittura (Cf. Sal 140, 2; Ap 8, 3).

Incensum ad libitum adhiberi potest in qualibet forma Missae:
Trad. CEI: L’uso dell’incenso in qualsiasi forma di Messa è facoltativo: (Leggi: anche nella messa solenne si può omettere)
Trad. Letterale: L'incenso può essere usato a piacere in qualsiasi forma di Messa: (Leggi: anche nella messa letta e quotidiana si può utilizzare!)

* durante processione ingressus; durante la processione d’ingresso;
* initio Missae, ad crucem et altare thurificandum;
all’inizio della Messa, per incensare la croce e l’altare;
* ad processionem et ad proclamationem Evangelii;
alla processione e alla proclamazione del Vangelo;
* pane et calice super altare depositis, ad thurificanda oblata, crucem et altare, necnon sacerdotem et populum;
quando sono stati posti sull’altare il pane e il calice, per incensare le offerte, la croce e l’altare, il sacerdote e il popolo;
* ad ostensionem hostiae et calicis post consecrationem.
alla presentazione dell’ostia e del calice dopo la consacrazione.

277. Sacerdos, cum incensum ponit in thuribulum, illud benedicit signo crucis, nihil dicens.
Il sacerdote quando mette l’incenso nel turibolo lo benedice tracciando un segno di croce, senza nulla dire.

Ante et post thurificationem fit profunda inclinatio personae vel rei quae incensatur, altari et oblatis pro Missae sacrificio exceptis.
Prima e dopo l’incensazione si fa un profondo inchino alla persona o alla cosa che viene incensata, non però all’altare e alle offerte per il sacrificio della Messa.

Tribus ductibus thuribuli incensantur: Ss.mum Sacramentum, reliquia sanctae Crucis et imagines Domini publicae venerationi expositae, oblata pro Missae sacrificio, crux altaris, Evangeliarium, cereus paschalis, sacerdos et populus.
Con tre colpi del turibolo si incensano: il SS. Sacramento, la reliquia della santa Croce e le immagini del Signore esposte alla pubblica venerazione, le offerte per il sacrificio della Messa, la croce dell’altare, l’Evangeliario, il cero pasquale, il sacerdote e il popolo.

Duobus ductibus incensantur reliquiae et imagines Sanctorum publicae venerationi expositae, et quidem initio tantum celebrationis, cum incensatur altare.
Con due colpi si incensano le reliquie e le immagini dei Santi esposte alla pubblica venerazione, unicamente all’inizio della celebrazione, quando si incensa l’altare.

Altare incensatur singulis ictibus hoc modo:
L’altare si incensa con singoli colpi in questo modo:

* si altare est a pariete seiunctum, sacerdos illud circumeundo incensat;
a) Se l’altare è separato dalla parete, il sacerdote lo incensa girandogli intorno;

* si vero altare non est a pariete seiunctum, sacerdos transeundo incensat primo partem dexteram, deinde partem sinistram.
b) Se invece l’altare è addossato alla parete, il sacerdote lo incensa passando prima la parte destra dell’altare, poi la sinistra.

Crux, si est super altare vel apud ipsum, thurificatur ante altaris incensationem, secus cum sacerdos transit ante ipsam.
La croce, se è sopra l’altare o accanto ad esso, viene incensata prima dell’altare; altrimenti quando il sacerdote le passa davanti.

Oblata incensat sacerdos tribus ductibus thuribuli, ante incensationem crucis et altaris, vel signum crucis super oblata thuribulo producens.
Il sacerdote incensa le offerte prima dell’incensazione della croce e dell’altare con tre colpi di turibolo, oppure facendo col turibolo il segno di croce sopra le offerte.

-------------------------------
Per i sacerdoti fermi alle rubriche della prima e seconda edizione del Messale: in questi numeri ci sono delle novità (ovvero un ripristino di ritualità antiche) che non sono ancora entrante nell'uso di molti celebranti (ovviamente per scarsa dimestichezza con il turibolo che vedono raramente).

1) Quando il sacerdote impone l'incenso, adesso lo benedice formando un segno di croce con la mano destra, senza dire nulla (questo perchè sono state abolite, ahimè, le parole che nel rito antico accompagnavano questo gesto. Il gesto è tornato - la preghiera no: ab illo benedicaris in cuius honore cremaberis). Il fumo che proviene dall'incensiere - si sono ricordati i correttori delle rubriche - deve essere benedetto. Quando arriva alle narici dei credenti esso è portatore della benedizione che li avvolge e li pervade. Tutti i partecipanti al rito eucaristico sono incensati: tutti sono offerta gradita a Dio! Quale potente simbolismo del sacerdozio comune riscoperto dal Vaticano II! (Il sacerdozio comune, lo ricordo, abilita ad offrire se stessi in sacrificio vivente, santo e gradito a Dio, come e con Cristo).

2) Il sacerdote si inchina prima di incensare cose e/o persone, ma non ci si inchina prima di incensare le oblate sopra l'altare all'offertorio (come molti fanno).

2) Le oblate si possono incensare "facendo col turibolo il segno della croce" sopra di esse. Anche questo è un "ritorno" graditissimo (eppure poco utilizzato, perchè anche questo ad libitum). Vi posto qui sotto il disegno classico che guida i sacerdoti ad imparare come incensare le offerte nel rito romano. E' oggi applicabile non solo al rito antico, ma come mostrano le rubriche rinnovate, anche al rito ordinario.
Se poi - cari sacerdoti - volete sussurrare mentalmente anche le parole che accompagnano l'incensazione cruciforme, penso possa essere un utile richiamo mistico del significato del gesto che state compiendo. Incensare muovendo il turibolo in forma di croce, rievoca evidentemente il sacrificio del Signore che sta per compiersi sull'altare; mentre l’incensazione circolare, significa che i doni e le offerte sono stati circoscritti, riservati cioè al culto divino.
Ecco lo schema dal Messale di Giovanni XXIII che illustra le modalità e le preghiere per incensare nella forma straordinaria:






Incensum istud, a te benedictum, ascendat ad te, Domine, et descendat super nos misericordia tua.
Quest'incenso da te benedetto, salga a te, o Signore, e discenda su di noi la tua misericordia

mentre incensa l'altare il sacerdote sussurrava il Salmo 140,2-4:
Dirigatur, Domine, oratio mea, sicut incensum in conspectu tuo:
elevatio manuum mearum sacrificium vespertinum.
Pone, Domine, custodiam ori meo, et ostium circumstantiæ labiis meis:
ut non declinet cor meum in verba malitiæ, ad excusandas excusationes in peccatis.
- Come incenso salga a te la mia preghiera,
le mie mani alzate come sacrificio della sera.
Poni, Signore, una custodia alla mia bocca,
sorveglia la porta delle mie labbra.
Non lasciare che il mio cuore si pieghi a parole piene di malizia
per trovar scuse con cui giustificare i miei peccati.


restituendo il turibolo al diacono o al ministrante dice:
Accendat in nobis Dominus ignem sui amoris, et flammam æternæ caritatis. Amen.
Il Signore accenda in noi il fuoco del suo amore e la fiamma dell'eterna carità. Amen

-------------------------------
LITURGIA COPTA DELLA «PREGHIERA DELL’INCENSO»
Basilica di Santa Maria Maggiore - Domenica, 14 agosto 1988

“Come incenso salga a te la mia preghiera,
le mie mani alzate come sacrificio della sera” (Sal 140, 1).

1. Con queste parole il salmista rende esplicito il legame simbolico tra la preghiera vespertina e il salire dell’incenso.

Il levarsi delle volute di incenso esprime con grande potenza evocativa l’anelito dello spirito umano a librarsi verso l’alto, a superare le angustie quotidiane, per riconoscere il senso della propria esistenza e ricongiungersi con Dio. Con l’incarnazione, il Verbo ha voluto assumere la natura umana ed è entrato in un nuovo rapporto anche con il cosmo, per presentarlo a Dio Padre quale offerta a lui gradita.

Nella visione sicura della fede, il bisogno di infinito, di perfezione, di comunione intima e profonda della creatura col Creatore non è semplice nostalgia o sogno dell’impossibile, ma è un pellegrinaggio ininterrotto, una tensione perenne, dell’uomo verso il suo fine che si esprime incessantemente in atteggiamenti di “condiscendenza”.

“Fecisti nos ad te, et inquietum est cor nostrum donec requiescat in te”, ci ricorda il santo vescovo Agostino (S. Augustini “Confessiones”, 1,1).

Questo incenso che sale senza tregua al cielo porta con sé l’aspirazione profonda del nostro cuore, verso Dio che si esprime nell’anelito della preghiera. L’incenso accompagna dunque il levarsi delle nostre mani al cielo, per offrire a Dio la nostra sete di lui e, nello stesso tempo, per presentargli persone e cose, desideri e aspirazioni.

...Partecipando all’odierna preghiera dell’incenso desideriamo fare nostri idealmente i toni variegati e molteplici di ogni liturgia della Tradizione dell’Oriente, anche di quelle che non si sono potute celebrare in questa alma città.

La liturgia copta, così adatta ad esprimere l’attesa vigilante del monaco che, con i fianchi cinti e le lucerne accese, accoglie il rivelarsi discreto, ma sicuro del suo Signore, è la voce mirabile, con cui oggi si esprime la fervida attesa della Chiesa per il Signore che viene....

4. Diletti fratelli e sorelle, amate questa vostra liturgia, nella quale e con la quale oggi prega con voi il Vescovo di Roma; sentitela come espressione viva della vostra sensibilità religiosa e culturale; vedetela come frutto originale di cui la Chiesa universale va fiera. Difendetene l’eredità, perché continui ad essere il luogo ove il palpito del vostro cuore si fa più spontaneamente preghiera. Siate sempre in continuità con la testimonianza gloriosa dei vostri padri nella fede, i quali, alimentandosi alla liturgia seppero sostenere le prove del martirio e compiere con coraggio e fermezza scelte di vita impegnative. Non aderite con eccessiva improvvisazione alla imitazione di culture e tradizioni che non siano le vostre, tradendo così la sensibilità che è propria del vostro popolo.

Molte volte i miei predecessori hanno insistito su questo punto così rilevante. Vorrei qui ricordare tra tutti, due grandi Papi, benemeriti per l’Oriente cristiano: Benedetto XIV, al quale dobbiamo la costituzione “Demandatam”, del 24 dicembre 1743; e Leone XIII, che ha emanato la celebre lettera apostolica “Orientalium Dignitas Ecclesiarum”, il 30 novembre 1894.

A loro fa eco il Concilio Vaticano II che con vigore sottolinea come “non si devono introdurre mutazioni, se non per ragioni del proprio organico progresso” (Orientalium Ecclesiarum, 6).

Questo significa che è necessario che ogni eventuale adattamento della vostra liturgia si fondi su uno studio attento delle fonti, su una conoscenza obiettiva delle peculiarità proprie della vostra cultura, sul mantenimento della tradizione comune a tutta la cristianità copta.

17 commenti:

Anonimo ha detto...

Non è che nel declino dell'uso dell'incenso ci sia anche un'altra motivazione?
Il fastidio che dà, spesso attaccandosi alla gola, l'uso di incensi non totalmente naturali oppure profumati con sostanze chimiche. Questo genere di incensi, oggi purtroppo troppo diffusi, è veramente insopportabile. Anche in questo caso è necessario ritornare a un incenso di qualità, e, soprattutto, non aromatizzato. E se propio lo vogliamo aromatizzare ci sono mille modi naturali per farlo: petali di rosa seccati e ridotti in polvere; bacche di vaniglia seccati e ridotti in polvere; bacche di ginepro seccate e ridotte in polvere. Etc. etc.

E se non si ha tempo per aromatizzarlo lo si usi al naturale.

Ed è garantito che nessuno si lamenterà e a nessuno si attaccherà alla gola e al naso.

Provare per credere.

liturgia.it ha detto...

Nella parrocchia (Veneto) cui appartengo si usa spesso l'incenso come previsto dall'IGMR 277 (non sto a citarlo; è già stato ben tradotto nel blog).
I chierichetti (un piccolo stuolo)sono istruiti ad usare in modo appropriato il turibolo e la navicella: seguiamo i praenotanda e per quanto possibile rispettiamo cantando antifone, responsori e quanto di bello ci propone la ricca liturgia in vigore dal 1970, non disdegnando di certo il gregoriano. Celebrando secondo l'attuale "usum romanae curia" la comunità cammina molto bene: non è bello continuare a prospettare il passato come santificatore e il presente come incapace di essere fons et culmen. Apprezzo e sostengo le decisioni del nostro Sommo Pontefice Benedetto XVI per quanto concerne il cosiddetto rito straordinario: ho incontrato comunità per cui questo modo di celebrare è specificamente significativo. Il modo però con cui si esprimono molti blog ( non questo, che apprezzo) "tridentini" non è assolutamente ecclesiale perché stravolge le intenzioni e il pensiero del Sommo Pontefice, che, per esempio, ha definito esemplare la celebrazione eucaristica in quel di Viterbo. Mi permetto di fare queste osservazioni perché amo la lingua latina, pubblico in questa lingua e mi spiace che qualcuno, che la usa per il proprio protagonismo, interrogato, dimostra di non conoscerla.

lycopodium ha detto...

Bella riabilitazione dell'uso dell'incenso.
Sintomatico l'imbarazzo post-conciliare, che comincia con l'abolire la connotazione verbale, per sfociare nell'estenuazione del gesto.
Come dire che, le incongruenze prima o poi si pagano.

Anonimo ha detto...

"usum romanae curia"?

Mah!

Spero sia solo un lapsus digiti.

Antonello

liturgia.it ha detto...

Ringrazio Antonello per l'osservazione:
manca una "e".
Preferisco il "lapsus calami".
Il keyboard spesso tradisce.

Anonimo ha detto...

Mi complimento, questa pagina potrebbe essere stampata e distribuita ai chierichetti delle parrocchie, perchè molto comprensibile oltrechè ed evidentemente illustrativa del significato profondo dell'incensazione.

Non disdegnerei un commento sull'incensazione del feretro durante i funerali.
Pax et Bonum!
LDA

Fr. Benedict ha detto...

Excellent post! Grazie per questa bellissima spiegazione.. ma il vero problema resta nel fatto che troppi neo-sacerdoti non hanno mai letto la IGMR, e seguono il mal esempio di troppi che dovrebbero conoscere meglio i bellissimi riti della Chiesa!

Anonimo ha detto...

imparato molto

Anonimo ha detto...

Complimenti per la descrizione delle rubriche ed il felice tentativo di riaccordarle con quelle del Messale di San Pio V. Anche io incenso sempre "more antiquo" anche quando celebro o faccio da diacono nella forma di Paolo VI, ma questo perchè ritengo sempre possibile, anzi doveroso, perseverare nella forma recepita dalla consuetudine, non espressamente riprovata, specialmente nei casi in cui la nuova rubrica sembra essere più un riassunto della precedente o appaia come un richiamo all'uso "recepto" senza descrivere bene il gesto da compiersi; ad esempio che in un altare "a pariete seiuncto" si debba girare in senso antiorario non è specificato, ma apparirebbe curioso girare nell'altro senso, così come i sacri ministri devono girare con il celebrante aiutandolo nelle genuflessioni(in caso che l'altare sia posto immediatamente davanti al Tabernacolo o si celebri davanti alla Reliquia della Santa Croce), nel sostenere il camice se ci fosse da scendere o salire qualche gradino e nel liberare il braccio dall'incomodo della casula e non compiere, come si vede, un giro turistico per conto loro a due metri dal celebrante o magari lasciarlo incedere da solo o accompagnato da uno solo di essi come se il gesto liturgico dell'incensazione fosse troppo gravoso e ritenuto assai secondario da dover interessare i due assistenti.
Quanto alle incensazioni del coro e dei sacri ministri non si capisce perchè il primo non sia più citato con la conseguenza che ogni capitolo agisce come crede, alcuni perseverando ad incensare i canonici(ad esempio a San Pietro in Vaticano) altri solo i concelebranti e quasi nessuno si ricorda di incensare il diacono, che non è figlio di un Dio minore...

Anonimo ha detto...

Chiedo scusa se arrivo in ritardo rispetto alla vostra discussione, che mi ha affascinato. Anonimo ha detto che la deambulazione attorno all'altare "a pariete seiuncto" va fatta in senso antiorario: perché, di grazia?
Andreas sebastos

fr. A.R. ha detto...

Semplicemente perchè ci si muove da sinistra (del celebrante) verso destra (e girando attorno all'altare vuol dire muoversi in senso antiorario), ma quando il sacerdote gira su se stesso verso il popolo, per esempio all'orate fratres, lo fa sempre da sinistra verso destra, ma questa volta il movimento appare orario. Nel mondo antico, (ma anche più recente), la sinistra e la destra sono caricate di valori simbolici. il movimento orario o antiorario sono descrizioni relative.

Anonimo ha detto...

Stupendo, grazie. Ma dove posso trovare una disamina dei simbolismi legati alla destra e alla sinistra?

Anonimo ha detto...

l incenso andrebbe usa to, oltre chè per le adorazioni , per tutte le feste,e , le messe solenni.

Anonimo ha detto...

il problema è che oggi ci sono preti che adattano la liturgia ai loro comodi, figutriamoci l'uso dell'incenso e perchè no del cerimoniale ..che nemmeno sanno dove si trova.

Giuseppe Massimo Giannini ha detto...

Se il concilio Vaticano ha stabilito un nuova liturgia,
se l'uso del latino non permette che a pochissimi di poter
partecipare coscientemente alla messa, se -in particolare- l'uso dell'incenso, che spesso è sintetico, da un reale fastidio all'apparato respiratorio di chiunque e ancora, se chi dice -quais alla maniera dei carbonari- la messa secondo il vecchio messale, usando però quello abrogato invece di quaello di Giovanni 23mo, di solito con la scusa che i due messali sono simili, che quello "giusto" è di difficile reperibilità, che costa troppo... se ci sono questi se, dov'è l'UNO, l'UNITA' del popolo di Dio, dei cristiani, che Gesù invoca più volte nel Vangelo? Abbiamo noi diritto di disunirci anche nella liturgia? Ed in nome di cosa?
Io sicuramente non lo so però so due cose che ho personalmente vissuto:
-quando si celebrava in latino la partecipazione alla Messa era ridotta allo zero o poco meno e molti "fedeli" entravano in Chiesa poco prima che "il calice fosse scoperto" tanto si sentivano lontani dalla celebrazione;
-in molte celebrazioni moderne ci sono degli errori intepretativi sulla liturgia che creano confusione semplicemente perché molti preti intepretano nel senso della "fantasia" alcune tradizioni o addirittura prescrizioni.
Un'altra cosa vivo ogni giorno ed è il senso di superiorità che traspare, il senso di "devozione" che viene irradiato, da tutti o quasi, quelli che sono i fautori della vecchia liturgia in latino.
Ed io sono oramai persuaso che questi siano i veri cristini super plus, loro i farisei ed io il pubblicano,
no nemmeno visto che io alla liturgia in latino resto estraneo visto che partecipo solo a quella post-conciliare.
Ad ogni modo mi sentirei, semmai, un cristiano super plus se partecipassi ad una liturgia in aramaico?

saluti carissimi baci abbracci e carezze a tutti

ciao

GMG

Anonimo ha detto...

ciao,sono un chirichetto e mi piace fare l'incenso,e credo che l'incenso è una cosa importante ed è molto significativo e noi lo usiamo tutte le domeniche e nelle feste,durante l'adorazione,alla fine dei funerali per incensare la salma del defunto e in altre occasioni importanti.cristo regni... Antonio

Anonimo ha detto...

Un saluto a tutti, pace!
nella chiesa dove servo la messa tutte le domeniche si usa sempre l'incenso. nell'Abbazia trappista francese che visito tutti gli anni si usa l'incenso.
Credo che la preghiera e la liturgia con l'incenso siano molto più raccolte.
Alèx

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online