Cerca nel blog (argomenti, singole parole o frasi):

Caricamento in corso...

Condividi

martedì 10 febbraio 2015

Il testo del Direttorio Omiletico: ultimo "figlio" desiderato da Papa Benedetto

E' già disponibile il testo del Direttorio Omiletico presentato oggi in Vaticano (leggi qui gli interventi alla conferenza stampa). Lo si può scaricare da questo link, offerto dalla Diocesi di Locri-Gerace, che ha messo il tutto online.
Il lungo documento si interessa, come dice il suo nome, dell'omelia, cioè della particolare predicazione che viene offerta dai sacri ministri durante la liturgia, in special modo durante la santa Messa. Direttorio significa documento che intende dirigere, insegnare come comporre e porgere l'omelia: non rimane nella teoria, ma scende nella pratica. Il documento entra nei particolari, cercando di delineare per ogni tempo liturgico e festività i motivi principali e i collegamenti necessari (spesso poco visibili anche per i sacerdoti) secondo la tipologia e l'interpretazione spirituale della Scrittura, alla luce della dottrina cattolica (proprio come aveva chiesto Papa Benedetto, a cui dobbiamo l'ispirazione di questo testo). Infatti così troviamo nell'introduzione (n. 1):
"Il presente Direttorio omiletico intende dare una risposta alla richiesta avanzata dai partecipanti al Sinodo dei Vescovi svoltosi nel 2008 sulla Parola di Dio. Accogliendo l’istanza, Papa Benedetto XVI chiese alle autorità competenti di preparare un Direttorio sull’omelia (cf. VD 60). Al riguardo, egli aveva già fatto propria la preoccupazione espressa dai Padri nel precedente Sinodo di prestare maggiore attenzione alla preparazione dell’omelia (cf. Sacramentum caritatis 46). Anche il suo Successore, il Papa Francesco, considera la predicazione una delle priorità della vita della Chiesa, come è evidente dalla sua prima Esortazione apostolica, Evangelii gaudium. Nel descrivere l'omelia, i Padri del Concilio Vaticano II hanno sottolineato la natura unica della predicazione nel contesto della sacra liturgia: “La predicazione attinga anzitutto alle fonti della sacra Scrittura e della liturgia, poiché essa è l'annunzio delle mirabili opere di Dio nella storia della salvezza, ossia nel mistero di Cristo, mistero che è in mezzo a noi sempre presente e operante, soprattutto nelle celebrazioni liturgiche” (SC 35,2). Per molti secoli la predica è stata spesso un insegnamento morale o dottrinale pronunciato in occasione della Messa festiva, ma non necessariamente integrato nella stessa celebrazione. Ora, come il movimento liturgico cattolico, iniziato verso la fine del secolo diciannovesimo, tentò di integrare la pietà personale e la spiritualità liturgica dei fedeli, così ci furono sforzi volti ad approfondire il legame intrinseco tra la Scrittura e il culto. Questi sforzi, incoraggiati dai Pontefici per tutta la prima metà del ventesimo secolo, maturarono i loro frutti nella visione della liturgia della Chiesa trasmessaci dal Concilio Vaticano II. La natura e la funzione dell'omelia vanno comprese in questa prospettiva".
Il nuovo prefetto della Congregazione per il Culto Divino, il Card. Robert Sarah, si è espresso poi in questi termini, riassumento i criteri di fondo del direttorio:
Tra i criteri ricordati nel Direttorio, ne indico alcuni: 1° - l’omelia è suscitata dalle Scritture disposte dalla Chiesa nel Lezionario, ossia il Libro che contiene, per i giorni dell’anno, le letture bibliche per la Messa. 2° - L’omelia è suscitata dalla celebrazione in cui "queste" letture sono inserite, ossia dalle preghiere e dai riti che costituiscono "questa" liturgia, il cui protagonista principale è Dio, per il Cristo suo Figlio, nella potenza dello Spirito Santo. Ovviamente l’omelia chiama in causa chi la pronuncia. Ecco l’importanza della preparazione dell’omileta, che domanda studio e preghiera, esperienza di Dio e conoscenza della comunità a cui si rivolge, amore per i santi Misteri e amore per il Corpo vivente di Cristo che è la Chiesa.
Segnalo come di particolare interesse la tavola tematica posta alla fine del documento, nella prima appendice. In essa vengono segnalati accanto ai brani biblici di ogni domenica e festività degli anni A, B e C, corrispondenti passi del Catechismo della Chiesa Cattolica che echeggiano i temi contenuti nelle letture del giorno. Un grande lavoro è stato fatto, in modo che la dottrina della Chiesa emerga dalla Parola di Dio e la Parola di Dio sia illuminata dalla meditazione del magistero.

Il Direttorio Omiletico può essere scaricato anche da qui: http://www.diocesisora.it/pdigitale/wp-content/uploads/2015/01/Direttorio-Omiletico-italiano-12dic2014.pdf

Aggiungo il video della Conferenza Stampa di presentazione del Direttorio, svoltasi il 10 febbraio in Vaticano:

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online