Cerca nel blog (argomenti, singole parole o frasi):

Condividi

giovedì 4 dicembre 2008

La musica liturgica, ancora povera ancella bistrattata


Il divino Magister, nel suo arcinoto blog, posta una solenne requisitoria in favore del ritorno anche in Vaticano della grande musica polifonica, da suonare e cantare bene, come esempio che la sede di Pietro può dare a tutte le chiese del Mondo.
A me sinceramente piace anche Frisina, e il suo stile che Magister definisce "da musical", però è certo - e Frisina stesso concorda per primo - che un conto è la liturgia papale supportata dalla Cappella Sistina e un'altro conto la liturgia cantata dal coro giovanile della diocesi di Roma.
..

Partendo da alcune considerazione sul Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra che si tiene ogni autunno nelle basiliche papali di Roma il Magister scrive così:

La presenza di papa Joseph Ratzinger a un concerto non è stata l'unica novità del Festival di quest'anno.
Assieme a Benedetto XVI, quella sera in San Paolo fuori le Mura, c'erano anche i 250 cardinali e vescovi che partecipavano negli stessi giorni al sinodo mondiale sulla Parola di Dio. Per molti di essi Bruckner non era un autore facile, ma l'esempio del papa, almeno per una volta, li ha portati ad assistere a un grande concerto. Perché la sensibilità musicale non è proprio di casa nel ceto ecclesiastico: gli alti prelati accorsi agli altri concerti del Festival si sono contati sulle dita di una mano sola.

Un'altra novità è stata lo spazio dato all'organo. Per quattro sere di fila, dal 17 al 20 novembre, lo strumento principe della musica liturgica ha dominato il programma del Festival, con opere sia antiche che contemporanee suonate da famosi organisti in diverse chiese romane. Non solo. Le esecuzioni a Roma sono state il coronamento di un più ampio percorso fatto di concerti d'organo in nove paesi d'Europa, cominciato a giugno in Baviera: un "Euro Via Festival" che si ripete ogni anno dal 2005 sotto la direzione artistica di Johannes Skudlik.

Negli stessi giorni, a Roma, sono stati ultimati i restauri di due magnifici organi, quello della Sala Accademica del Pontificio Istituto di Musica Sacra e quello della chiesa di Sant'Antonio dei Portoghesi. Un altro dei più splendidi organi di Roma, quello della chiesa di Sant'Ignazio, sarà restaurato nei prossimi mesi a cura della Fondazione pro Musica e Arte Sacra e tornerà a suonare nel Festival del 2009.

Brutalmente soppiantato dalle chitarre in numerosissime chiese del mondo, l'organo sta ultimamente mostrando piccoli segni di ripresa. La conferenza episcopale italiana, ad esempio, ha organizzato il mese scorso un seminario di studio per organisti e liturgisti, dal titolo: "L'organo a canne. Un cammino secolare a servizio della liturgia".

Ma il cammino resta impervio. Non solo il suono dell'organo è largamente assente dai riti liturgici, ma se ne trascura l'uso persino in quegli altri momenti ai quali esso sarebbe più che mai consono. Un cattivo esempio è dato dalla stessa basilica di San Pietro. Ogni volta che c'è una celebrazione liturgica col papa, la basilica si riempie di fedeli con molto anticipo sull'orario d'inizio. Sarebbe questo un momento ideale per il suono dell'organo. Creerebbe un clima più raccolto, di preparazione al rito liturgico. E invece niente. L'organo è lì, gli organisti ci sono, migliaia di fedeli sarebbero felici di ascoltare della buona musica che elevi lo spirito. Manca solo la volontà di decidere una cosa così elementare.

C'è una sorta di paralisi musicale, a Roma, attorno alle celebrazioni del papa. Il pensiero di Benedetto XVI in materia di musica liturgica è arcinoto, è consegnato ai suoi scritti, molto critici dell'avvenuto degrado. Ma quasi nulla è cambiato, in più di tre anni di pontificato. In Vaticano continua a mancare un organismo che abbia autorità per quanto riguarda la musica sacra. La Cappella Sistina, diretta da monsignor Giuseppe Liberto, è l'ombra del suo passato glorioso. E quando non è la Cappella Sistina a cantare nelle messe papali, impera lo stile da "musical" di monsignor Marco Frisina, titolare della cappella del Laterano, la cattedrale di Roma.

Anche in questo il Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra ha impartito una lezione. Per eseguire le messe e i mottetti di Giovanni Pierluigi da Palestrina, di Tomás Luis de Victoria, di Luca Marenzio, di Claudio Monteverdi, insomma, dei grandi maestri di cappella delle cattedrali di Roma e d'Europa del Cinquecento e Seicento, sono venuti dagli Stati Uniti il coro del Santuario di Maria Immacolata di Washington, diretto da Peter Latona, e dalla Germania il coro della cattedrale di Spira, diretto da Leo Krämer.

Non che a Roma e in Italia manchino validi esecutori di questa grande musica polifonica. Anzi, il più geniale interprete al mondo di Palestrina è sicuramente monsignor Domenico Bartolucci. Ma, appunto, Bartolucci dirige Palestrina nelle sale di concerto, non più nelle messe papali con la Cappella Sistina, di cui fu direttore e da cui fu estromesso in malo modo nel 1997. È difficile trovare oggi a Roma e in Italia un coro di chiesa che esegua tali autori nel vivo dell'azione liturgica.

Se per far riassaporare tali meraviglie ci vuole un Festival, è segno che molta strada è ancora da percorrere.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online