Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Condividi

giovedì 30 agosto 2012

L'inno dell'Anno della Fede: una delusione cocente per il testo e per la musica

Da bocciare senza appello "Credo, Domine", il nuovo inno che accompagnerà tutto l'Anno della Fede di prossima apertura (ottobre 2012). Comunque ve lo posto, perché ognuno formuli il suo giudizio.
Il testo è di una banalità sconcertante (Camminiamo carichi di attese, a tentoni [!!!] nella notte...), degno dei più tristi anni '70, la musichetta stucchevole, stile ballabile. Il misto lingua nazionale/latino sarà anche utile per far cantare popoli diversi nella stessa lingua, ma l'effetto del doppio ritornello non è granché.
Spero che non venga inteso come inno per la liturgia, ma solo come canto-sigla degli eventi collegati all'Anno della Fede... Spero....
Vi riporto lo spartito della versione italiana, distribuito dal sito ufficiale AnnusFidei.va, e l'esecuzione in Francese, l'unica per ora in circolazione su YouTube.
A paragone di questo, l'inno del Giubileo mi sembra un capolavoro di teologia e musica sacra.... ed è tutto dire.



Scarica qui il PDF dello spartito di "Credo, Domine"

Scarica qui il PDF con il solo TESTO completo dell'inno

24 commenti:

Mario Di Dio Busa ha detto...

Penoso! Non posso che essere d'accordo: speriamo non venga usato come canto liturgico. Preghiamo il Signore che ci scampi da questo pericolo.
Mario

Angelo ha detto...

Pessimo davvero. Sembra una canzoncina realizzata con la Bontempi. La chitarrina arpeggiata in 4/4, lasciatemelo scrivere, è orrenda. Eppure bravi compositori/arrangiatori/esecutori ci sono (anche senza scomodare i preti cantautori... anzi, quelli lasciamoli proprio da parte). Organo, fiati, archi, per dire, no, vero?

Anonimo ha detto...

Chi sarebbe il magnifico compositore che non ha neanche avuto il coraggio di firmare la partitura?

Spero anch'io che non diventi un canto liturgico; sarebbe sconcertante eseguirlo in chiesa, nenche in disocteca lo vorrebbero.

Miserere nostri, Domine, miserere.

Adriano, organista al SMC di Domodossola

Paul Freeman ha detto...

Persino "Dolce sentire" (che non è un canto liturgico e che Riz Ortolani ha copiato - modificandolo nel ritmo - dal Laudario francescano dalla lauda (liturgica) "Sia laudato San Francesco") è più liturgico nel testo, nella melodia, nel progresso armonico, di questo.
L'arrangiamento poi è proprio pessimamente retrodatato e a-liturgico.

Francesco Saverio ha detto...

Bah,quanto vi scandalizzate. Non è altro che la solita minestra che ci viene imbandita ad ogni riunione ecclesiale. La musica,intendo. Il testo invece qui raggiunge vette di analfabetismo poche volte toccate. Mons. Frisina andrebbe condannato al rogo,secondo me,ma spesso si appoggia a testi sicuri e di valore, e questo lo salva. Qui non c'è nemmeno questo. Stiamo sprofondando senza sosta. Stare,o a vedere.

Renzo T. ha detto...

Bellissimo, sembra uno dei migliori mottetti di Palestrina.
Anzi, mi correggo, fa impallidire Palestrina.
Povera Chiesa!

frblack5 ha detto...

Orribile!!!

frblack5 ha detto...

Orribile è dir poco!!!!

Organista "romano" ha detto...

E pensare che hanno fatto un concorso per il testo e la musica... proprio x questo non hanno avuto nemmeno il coraggio di rendere pubblico l'autore!!!
Non si capisce se somiglia più ad un canto del RnS o dei NeoCat... Indecente!

Anonimo ha detto...

Mala tempora currunt... et deteriora veniunt!

Anonimo ha detto...

Disastro dal punto di vista musicale!!! Esistono molti compositori capaci... il testo molto leggero, meno male che è per l'anno della fede, inconcepibile!!! Tutto ignoto è evidente il perché. Speriamo solo che venga citato in futuro per comprendere come non scrivere testi e soprattutto la musica!!!

La Provvidenza ha detto...

credo che stiano proteggendo l'autore per evitare il linciaggio... ;)

Anonimo ha detto...

Ab omni malo, libera nos Domine!!!

Anonimo ha detto...

Certo che siete cristiani molto attenti a criticare....proponete uno nuovo....
viva lo spririto l'amore che dimostrate di avere
se non vi piace non cantatelo
ok
sia lodato gesù e maria oggi e sempre

Luca ha detto...

Ne abbiamo sentiti di peggio, o mi sbaglio?

Anonimo ha detto...

eccoti la risposta:Mons. Ivo Meini ha vinto il concorso internazionale indetto dal Vaticano per l'INNO DELL'ANNO DELLA FEDE che si aprirà il prossimo 11 ottobre

Ruggiero Fucci ha detto...

Durante le liturgie se ne vedono e se ne sentono di tutti i colori. Si eseguono canti (canzonette) che di ieratico non hanno proprio niente anzi, spesso, infastidiscono chi cerca di seguire religiosamente la funzione; ho visto gente abbandonare la celebrazione, non accettando il ruolo di mero spettatore ed io, a volte, ero tra questi. Si va da canti polifonici complicatissimi a brani di musica rock e canzonette mascherate da un testo forse religioso, ma scarno e ripetitivo ed a tratti forzato. Pertanto ben venga un canto religioso veramente popolare nel testo e nella musica, di facile comprensione, così finalmente l'Assemblea può cantare, recuperando il suo ruolo di Concelebrante!
Questa non venga presa come risposta ad una persona in particolare; ma in generale.

tomaso2446 ha detto...

Non si trova lo spartito a 4 voci, potrebbe essere anche bello

tomaso2446 ha detto...

Non riesco a trovare lo spartito a 4 voci

Anonimo ha detto...

Potevano fare molto molto meglio!

Anonimo ha detto...

Penso che Benedetto XVI, visti i suoi gusti musicali, avrà accettato di farlo eseguire durante qualche celebrazione di questo anno solo a patto di avere pronto in sagrestia, alla fine della celebrazione, uno spartito da ridurre in coriandoli mentre ascolta Palestrina!

Graziano Ruggeri ha detto...

Penso che Benedetto XVI, visti i suoi gusti musicali, avrà accettato di farlo eseguire durante qualche celebrazione dell'anno della fede solo a patto di avere pronto in sagrestia uno spartito di questo orrore da ridurre in coriandoli ascoltando Palestrina!

Anonimo ha detto...

L'autore è don Ivo Meini, ha composto molti canti eccellenti.
Ora è vecchietto, malato e sordo.
Non infierite.

Laura ha detto...

L'autore è Pino Fanelli da quello che ho letto in siti autorevoli.....di certo non Frisina come qualcuno ha insinuato.
Ad ogni modo basta non cantarlo : ci sono altri inni alla Fede degni di essere eseguiti durante le Celebrazioni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...