Cerca nel blog (argomenti, singole parole o frasi):

Caricamento in corso...

Condividi

martedì 22 luglio 2014

Divorzio e nuove nozze: i domenicani mettono in ginocchio una certa "teologia in ginocchio"


Con un articolo di una ventina di pagina otto docenti di Facoltà Pontificie americani, di cui sette appartenenti all'Ordine di San Domenico, spiegano con chiarezza e concisione perché i prossimi Sinodi dei Vescovi non possono cambiare (e non cambieranno) l'attuale prassi nell'ammissione dei divorziati risposati alla comunione sacramentale nella Chiesa Cattolica. Il titolo è "Recenti proposte per la Pastorale dei divorziati risposati: Una valutazione teologica", ed è chiaro a quali "recenti proposte" si indirizzino le critiche ,pacate ma incisive, dei confratelli di san Tommaso d'Aquino.
Il lavoro a più mani si presenta come una "voce" di enciclopedia teologica, in cui viene esposto il problema del divorzio - nuove nozze - ammissione dei divorziati risposati alla comunione in maniera pressoché completa e da vari punti di vista: dottrinale, morale, canonico, insistendo soprattutto sui punti certi e acquisiti (si direbbe di "unanime consenso"), ribaditi dal Concilio Vaticano II (che non può essere il concilio "più attuale" solo quanto fa comodo....) e dai papi più recenti.
Tra i meriti di questo articolo c'è, in particolare, quello di mettere sotto la lente d'ingrandimento l'errore di chi vorrebbe far passare come cambio di prassi "meramente pastorale" ciò che invece è collegato visceralmente alla dottrina sempre tenuta e difesa dalla Chiesa Cattolica (l'indissolubilità del matrimonio sacramentale). Inoltre viene anche evidenziata la sfiducia serpeggiante in certe soluzioni semplicistiche riguardo la possibilità della grazia della castità (anche all'interno del matrimonio), sfiducia che si evince come substrato di cui si nutrono le proposte pastorali volte all'ammissibilità delle nuove nozze persistendo un precedente legame sacramentale (e anche - parallelamente - i continui attacchi al celibato dei chierici latini).

Il testo, di prossima pubblicazione nella rivista Nova & Vetera, è stato diffuso contemporaneamente in 5 lingue: inglese, tedesco, francese, spagnolo e italiano, giusto per assicurarsi che tutti possano capire direttamente nel proprio idioma e non ci siano errori in eventuali traduzioni.
Il tono, come potrete notare mentre lo leggete, non è affatto aggressivo, polemico o apologetico. E' piuttosto pedagogico, tendente a mostrare in sintesi i dati biblici, patristici, teologici e canonistici che non possono né debbono essere trascurati, e invece sono troppo spesso sottaciuti o selezionati da chi cerca in ogni modo di trovare soluzioni alternative a questioni già risolte.
In effetti oggi non c'è tanto bisogno di trovare "nuove soluzioni" per il buon andamento di matrimonio e famiglia, quanto piuttosto di far accogliere ai credenti "stanchi e sfiduciati" le soluzioni che la Chiesa ha già sperimentato, e che risalgono fin al suo Fondatore. L'ortoprassi, come si diceva prima, non può essere messa in opposizione all'ortodossia: la prima nasce da quest'ultima, anche in campo matrimoniale ciò che si crede e ciò che si vive non possono essere mutamente separati.

1 commento:

Ubi humilitas ha detto...

Ci voleva. Ma basterà? Già qualcuno obietta: "non sono teologi di alto livello".
Insomma la "fazione" propugnatrice della "Comunione" a tutti, in barba al Magistero plurisecolare della Chiesa ceca ogni scusa buona oer appigliarsi. Certo, mi piange il cuore a parlare di "fazione" ma ormai solo chi fa finta di non vedere non si accorge che le due posizioni si sono "polarizzate". Da una parte i sostenitori della vera dottrina magisteriale, dall'altra quelli che vorrebbero innovare, senza uno straccio di appoggio teologico realmente valido. E' guerra, anche mediatica. Alle parole di Muller pronunciate pochi giorni fa, ha subito fatto ecco -in senso e direzione contraria- il vescovo Paglia su Vatican Insider, promettendo soluzioni. Mi orripila sentire parlare di "soluzioni" e "aspettative".
La soluzione è una e solo una, ribadire la Dottrina cattolica in merito all'indissolubilità del Matrimonio e alla impossibilità di seconde unioni e del loro "riconoscimento".
Ottobre si avvicina. Sarà dura battaglia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...